Post

Visualizzazione dei post da Maggio, 2014

La via Lattea

Immagine
Il Cammino di Santiago, un cattolico e un ateo (per semplificare) e 800 Km di disquisizioni e chiacchiere. Questo, in estrema sintesi è “la via lattea”. I capitoli sono le tappe del Cammino, come se i due pellegrini la sera, nell’ostello che li ospita, si mettessero a chiacchierare sulle impressioni e sulle emozioni che la giornata ha suscitato in loro.
Negli ultimi anni sto avvertendo il fascino del Cammino. Il viaggio lento, tu solo (anche viaggiando in compagnia), la strada, i paesaggi, gli incontri. La fatica e il sollievo. E prima o poi, credo, affronterò questa sfida con me stessa e proverò anch’io a camminare lungo gli 800 chilometri che separano Roncisvalle da Santiago (per parlare solo della parte di Cammino in terra spagnola). Leggere questo libro, quindi, è stato per me molto interessante. Ma non solo in funzione di un viaggio (o come spunto per) che (forse) prima o poi farò. Le riflessioni e gli spunti sono interessantissimi anche a prescindere dal contesto in cui veng…

Convoglio aiuti EMERGENZA BALCANI

Immagine

Sono europea e voglio EUROPA

Credo in questo Paese ci sia un problema di fondo. L'ignoranza.
Non ci si informa, non si legge. Però si parla e si commenta molto. 

Io l'Unione Europea l'ho studiata. Ne ho letto. Ho letto opinioni di chi ne vuole di più e di chi ne vuole meno. Ho la mia idea e cioè che oggi lo Stato Nazione Italia, Germania, Grecia, ecc.. conta niente. E' un granello di sabbia minuscolo dentro la scacchiere. E invece l'Europa sarebbe il cavallo vincente. Un'unione economica E politica, uno stato europeo vero, unito, questo porterebbe la vecchia Europa a giocare (ri-giocare) quel ruolo centrale nello scacchiere del Mondo che le spetterebbe di diritto.

Invece sento troppi discorsi populisti e intrisi di pregiudizi, preconcetti e idee retrograde e razziste che non mi lasciano ben sperare.

I nazionalisti ci sono ovunque, ci sono sempre stati e - specie nei periodi di crisi economica - possono certamente giocare un ruolo forte. Però il vero problema è che molti di quei discorsi li …

Confronto Capitale (appunti disordinati di viaggio tra le varie Capitali europee)

Immagine
È qualche anno che bazzico in giro per l’Europa e le mete classiche sono le Capitali. Facile arrivarci (per via dei voli diretti e spesso low cost), ideali per un fine settimana (magari lungo), ricche di eventi culturali, sportivi, gastronomici, ecc.. Ottima base di partenza per esplorazioni più approfondite. E ora, che ho finalmente concluso il giro di quelle che ritengo (a torto o ragione) le “grandi” – Londra, Berlino, Parigi – mi è venuta voglia di un confronto. Anche perché durante l’ultima tappa (Parigi) è capitato spesso, tra un birra, una zuppa di cipolle e un buon borgogna, di raffrontare e scambiarsi punti di vista. Viene naturale.
E allora iniziamo, in ordine sparso e senza pretese di stilare classifiche.. troppo difficile e (spesso) inutile. Ogni città è bella a modo suo e ci comunica cose diverse. Certo, ci può essere una preferenza.. ma non sarà mai oggettiva. Per esempio, io ho amato Parigi fin dall’infanzia, da prima di averla vista. Però Berlino è la mia città ideal…

La ville Lumiere

Immagine
Il volo ci mette un'ora e dieci. 4 ore fa chiudevamo la porta di casa e ora stiamo facendo il check in in albergo. Potenza del progresso, di voli e metro. Le distanze si sono accorciate davvero.




Parigi ci ha accolto in una calda giornata primaverile. Tempo variabile ma temperatura ottima. La prima tappa era, per me, obbligata. Marais. Esattamente l'idea che ho nella testa quando chiudo gli occhi e penso a Parigi.










Rispetto ad altre città europee, a Parigi non ti rendi conto dei quartieri che cambiano dalle case, ma dall'aria che si respira, dalle vetrine e dalla gente (certo, dopo aver escluso tutti i turisti come te - ma in fondo anche i turisti fanno parte dell'arredo urbano. Cosa sarebbe Montmartre senza il fiume di turisti che si inerpica sulle scalinate?).

Parigi è - con buona pace di francesi e italiani - molto più simile a casa di molte altre città in Europa. Non è così pulita, non è così sicura, non è così efficiente. E' molto più casa. Capita che i mezzi c…