Quattro passi per Helsinki

Questo post nasce da un commento sul mio post precedente di una ragazza, Anna. Anna ha un blog, che si chiama Profumo di Follia, bellissimo e dato che dai commenti ho capito che era stata ad Helsinki sono andata a scandagliare il suo blog. Eccome se ci è stata ad Helsinki, e ne è pure innamorata. E così mi sono persa tra le sue pagine, i suoi consigli e le sue emozioni.
Tra le altre cose ho trovato il consiglio a visitare una delle tante isole di Helsinki: Seurasaari. Aprendo google maps spunta fuori che ci potrei arrivare a piedi, ponte dopo ponte, isola dopo isola, proprio da casa. Percorso: 5 chilometri (più o meno), tra natura, boschi, ponti e case sparute.
Ed ecco che il mio cuore ha iniziato ad andare all'impazzata e già mi vedo passeggiare per quelle strade.
Qui potete trovare la mia mappa consultabile su GoogleMaps:

Non vedo l'ora di respirare l'aria finlandese. Vorrei che fosse proprio la prima mattina ad Helsinki, quando ancora conoscerò pochissimo della città. Quasi come fosse un imprinting. Perché è esattamente l'immagine che ho nella mia testa della Finlandia: acqua, boschi, silenzio.
D'altra parte ho scelto la casa a Lauttasaari proprio per essere il più possibile nella natura e questo percorso è la ciliegina sulla torta!
Considerate poi che la fine della camminata, Seurasaari, è un'isola completamente pedonale

Nel mio itinerario la prima isola che incontro (una volta lasciata Lauttasaari alle spalle) sarà Kalkisaari, una delle più prestigiose aree residenziali, da quanto dice Wikipedia! Poi ci sarà Lahtisaari, con un gran bosco da quello che si vede sulla mappa e da qui passa la maratona di Helsinki (che si terrà giusto il giorno prima del nostro arrivo!). Poi passerò sull'isola di Kuusisaari, a quanto pare l'isola di residenza di molti ambasciatori (e se non mi sbaglio citata anche nel libro di Paarsilinna "piccoli suicidi tra amici"). A questo punto torno sulla terra ferma, nel quartiere di Munkkivuori e poi un altro ponte mi porterà in zona Meilahti. E da qui eccolo, il ponte pedonale che finalmente mi porterà a Seurasaari!

Chissà se riuscirò nell'intento di fare tutto il percorso! Sicuramente mi ci metterò d'impegno e da quelle parti voglio passare, in un modo o nell'altro!
Intanto mi perdo nei sogni e conto i giorni che mi separano da questa passeggiata!

Commenti

Post popolari in questo blog

Primo post

New Brighton: storia di un sogno

Peperoni al forno con crema di tonno